Italiano | english | Deutsch
MART

museo di arte moderna
e contemporanea
di trento e rovereto

  • Laurina Paperina, "Riders of the Lost Heads", 2018, tecnica mista su tela, Courtesy Studio d’Arte Raffaelli
  • Rolando Tessadri, "Tessitura n. 01/02/03/04/05/06/07/08", 2018, tecnica mista su tela, Courtesy l’artista
  • Luca Coser, "Applause" (dettaglio), 2018, tecnica mista su lino, Courtesy l'artista
  • Christian Fogarolli, "Leucotomia" (dettaglio), 2017, pietre, oro, acciaio, olio naturale, vetro, Courtesy Contemporary Art Collection Finstral, Bolzano

Ex post
Laurina Paperina | Rolando Tessadri | Luca Coser | Christian Fogarolli

 
Galleria Civica Trento
17 novembre 2018 / 03 marzo 2019
Una mostra collettiva e quattro monografie presentano i primi protagonisti di un progetto di ricerca pluriennale
 
E

x post riunisce nelle sale della Galleria Civica quattro importanti nomi dell’ADAC, l’Archivio trentino Documentazione Artisti Contemporanei: uno strumento nato negli anni Novanta su idea di Diego Mazzonelli, con l’obiettivo di monitorare e valorizzare le esperienze del territorio.
Giunto a Trento nel 2013, nella terza sede del Mart, l’archivio costituisce oggi un’indispensabile fonte di conoscenza sull’arte degli ultimi trent’anni e riveste un ruolo centrale nel dibattito critico.
Degli oltre 550 artisti documentati, quattro sono stati selezionati per aprire la nuova collana dei Quaderni ADAC: una serie di pubblicazioni monografiche dedicate ad alcuni tra i nomi più rilevanti del panorama contemporaneo, realizzate con il contributo di curatori, storici dell’arte e studiosi.

La mostra trae origine dal progetto editoriale ed è uno sguardo focalizzato sulle opere più recenti dei suoi protagonisti, diversi per esperienze e per tipologie di ricerca: Laurina Paperina (1980), in bilico fra riferimenti alla cultura alta e alla società del consumo di massa; Rolando Tessadri (1968), rappresentante di nuova generazione della pittura analitica; Luca Coser (1965), artista e intellettuale che lavora sul confine tra l’immagine e la sua negazione; Christian Fogarolli (1983), impegnato in un’indagine tra arte, psicologia e scienze mediche.

 

 

A cura di Gabriele Lorenzoni

Comunicato stampa

Comunicato stampa

Scarica