Italiano | english | 中文 | Deutsch
MART

museo di arte moderna
e contemporanea
di trento e rovereto

  • Christiane L÷hr, Zusammentreffen (Incontro), 2003, semi di edera e semi di caglio, Panza Collection, Mendrisio. Photo: Alessandro Zambianchi - Simply .it, Milano
  • Mario Sironi, Nudo bianco (dettaglio), (1946 - 1947), tempera su tavola, Mart, Collezione Allaria
  • Asger Jorn, Fin de Copenhague, Bauhaus Imaginiste, 1957. Mart, Archivio del '900, fondo Baj
  • Mario Raciti, Presenze-Assenze, 1975, Mart Rovereto
  • Mimmo Jodice, Anfiteatro Romano, dalla serie Mediterraneo, 1990-1995. Mart, Collezione "i Cotroneo"
  • Neide Dias de Sß, Livro Poema, anni Settanta, Mart

Focus Collezioni

 
Mart Rovereto
Dal 5 dicembre 2015, le Collezioni del Mart sono tornate in mostra in un allestimento permanente, cronologico e tematico, disposto su due piani. Costituite nel tempo grazie a una politica di importanti acquisizioni, depositi e donazioni, le Collezioni del Mart attraversano 150 anni di storia dell’arte, dalla fine del XIX secolo a oggi. L'esposizione si amplia periodicamente nei Focus, veri e propri approfondimenti tematici e monografici pensati per esplorare le radici dell'arte italiana contemporanea, i movimenti storici internazionali, le nuove emergenze partendo dal vasto patrimonio del Mart che comprende, oltre alle opere, preziosi documenti conservati presso l'Archivio del '900.
 

Mostre in corso:

LA MATERIA DELLA FORMA. COLLEZIONE PANZA DI BIUMO
a cura di Denis Isaia e Gianfranco Maraniello

dal 2 aprile al 2 luglio 2017

Scopri
 

 

MARIO SIRONI NELLA COLLEZIONE ALLARIA
a cura di Daniela Ferrari e Alessandra Tiddia

dal 5 marzo all'11 giugno 2017

Scopri


TRA NUCLEARE E PATAFISICA
Libri e riviste dalla donazione Baj
a cura dell'Archivio del 900

dal 3 dicembre 2016 al 30 aprile 2017

L'archivio e la biblioteca appartenuti a Enrico Baj (Milano, 1924 - Vergiate, 2003), fondatore nel 1951 del Movimento arte nucleare e nel 1963 dell'Istituto Patafisico Milanese, costituiscono un significativo nucleo di documentazione conservato presso l'Archivio del ’900 del Mart.
Donato al Museo nel 2014 su proposta di Roberta Cerini Baj, moglie dell'artista, questo importante patrimonio è stato oggetto di una campagna di catalogazione realizzata con il supporto della Soprintendenza per i beni culturali della Provincia autonoma di Trento, che ha riguardato alcune centinaia di libri e riviste presenti nel fondo.

La selezione in mostra spazia dall'editoria delle avanguardie storiche, con numerosi esempi di area futurista, dadaista e surrealista, alle riviste sperimentali del secondo Novecento, come “Il Gesto” (1955-1959) e “Documenti d’Arte d’Oggi” (1954-1958), alle pubblicazioni di alcune collane del Collège de ‘Pataphysique. Sono inoltre esposti libri di Baj e di artisti e intellettuali che, avendo condiviso tratti del suo percorso creativo, hanno trovato posto nella sua raccolta privata.

 

Mostre passate:

DISEGNARE LA VILLEGGIATURA.
Progetti di vacanza dalle Dolomiti al Garda

a cura dell'Archivio del 900

dal 9 luglio al 13 novembre 2016

Attraverso il tema della villeggiatura – spazio di riposo, svago, benessere fisico – la mostra presenta progetti di ville e alberghi provenienti dai fondi di architettura dell’Archivio del ‘900 del Mart: Giovanni Lorenzi, Ettore Sottsass sr., Michelangelo Perghem Gelmi e altri.  Negli ultimi anni molte donazioni hanno arricchito il già vasto patrimonio di fondi documentari di architetti e ingegneri che il Mart conserva presso l’Archivio del ’900. La  mostra presenta una selezione di elaborati progettuali, tavole acquerellate, collage, schizzi e fotografie, che offrono un piccolo compendio dell’edilizia trentina per la villeggiatura, tra gli anni ’20 e la seconda metà del XX secolo.
 

 

MATERIALE IMMATERIALE. PROGETTO VVV VerboVisualeVirtuale
a cura di Nicoletta Boschiero, con Cecilia Scatturin e Valentina Russo
dal 16 aprile al 26 giugno 2016


La mostra Materiale Immateriale è realizzata a conclusione di un progetto pluriennale sostenuto dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto e realizzato dal Mart con il Museion di Bolzano e con la Fondazione Bruno Kessler di Trento - Unità di ricerca Digital Humanities.
Oggetto di studio è l’Archivio di Nuova Scrittura (ANS) di Paolo Della Grazia, affidato in parte al Mart (dal 1998) e in parte al Museion (dal 2000); dedicato alle ricerche verbo visuali, l’Archivio comprende opere, libri e documenti.
Il progetto VVV VerboVisualeVirtuale ha dato vita a un archivio digitale, basato su mappe interattive, che permette di esplorare le molteplici connessioni tra le opere e i documenti (lettere, pubblicazioni, fotografie) e la complessità delle relazioni tra i diversi artisti, indagandone l’intero processo creativo.
La mostra Materiale Immateriale presenta una selezione di opere e documenti che riflette la particolare natura di questa collezione, costituita da oggetti fragili, polivalenti, di difficile classificazione. Circa trenta opere concettuali e immateriali affrontano la relazione tra parola e arte visiva.


RACITI. LA DONAZIONE CARLO DAMIANO
a cura di Daniela Ferrari
dal 16 aprile al 5 giugno 2016


La recente donazione di un importante corpus di opere da parte di Carlo Damiano e dell’artista stesso insieme a opere già presenti nelle Collezioni del Mart (VAF-Stiftung, Collezione Volker W. Feierabend e Collezione Domenico Talamoni) costituisce una significativa mostra monografica nella quale vengono presentate circa 40 opere.  Il progetto espositivo illustra il percorso completo dell’artista con lavori che vanno dagli esordi ai giorni nostri, dal 1958 al 2016. In particolare saranno esposte le celebri serie Presenze-Assenze, Mitologia, Misteri, I fiori del profondo.


MIMMO JODICE. DALLA COLLEZIONE “I COTRONEO”

in collaborazione con il Museo MADRE, Napoli
dal 16 aprile al 5 giugno 2016


Nelle ricche raccolte d’arte del Mart trova posto Mediterraneo, il celebre ciclo di immagini realizzate da Mimmo Jodice alla metà degli anni Novanta.
Questa serie di fotografie, affidata al museo dai collezionisti Anna Rosa e Giovanni Cotroneo, rappresenta un punto fondamentale della ricerca di uno tra i maggiori maestri italiani della fotografia. Si riconosce in Mediterraneo quel percorso incentrato sul mito, sulla memoria, sulla cultura e sul paesaggio che contraddistingue da sempre il lavoro del grande fotografo partenopeo.
Il focus è organizzato in collaborazione con il museo MADRE, in occasione della mostra dedicata all’artista inserita nella stagione espositiva primavera-estate 2016.

Focus Collezioni

Focus Collezioni

Scarica il comunicato
Le Collezioni

Le Collezioni

Scopri