Italiano | english | Deutsch
MART

museo di arte moderna
e contemporanea
di trento e rovereto

 

L'Archivio del '900, costituito da Archivi storici e Biblioteca, ha un ruolo fondamentale all'interno del Museo, che si propone al pubblico come laboratorio culturale: l’attività espositiva, quella di studio e la ricerca sono strettamente connesse.

Il Novecento viene narrato attraverso le opere, i documenti storici, gli oggetti personali degli artisti ed inediti materiali d’approfondimento.
Sono più di 60 i fondi archivistici personali di artisti, architetti e critici d’arte conservati al Mart; molti di questi accompagnati dai rispettivi fondi librari. Un patrimonio prezioso costituto da decine di migliaia di carteggi, disegni, fotografie, ritagli stampa.
 

Il CIM, Catalogo Integrato del Mart, fornisce informazioni sui fondi. 
Segui il link per accedere.  

 
 
 
Fondo Tullia Denza
(documentazione dal 1959 al 2003)

L’archivio della collezionista Tullia Denza è costituito principalmente da un centinaio di fascicoli dedicati ad altrettanti artisti verbo-visuali internazionali, oltre ad una raccolta di bobine con registrazioni di Poesia Sonora e ad alcuni film d’artista.
Consulta il fondo

Consulta l'elenco delle tracce audio
 
Visualizza l'elenco fascicoli artisti

Biblioteca

La biblioteca, una ricca documentazione sulla ricerca verbo-visuale, è costituita da libri, cataloghi di mostre, riviste italiane e straniere degli anni Sessanta e Settanta, tra le quali la serie completa di “Lotta poetica” diretta da Sarenco

 Per informazioni
library@mart.tn.it
 

 
Fondo Fortunato Depero
(documentazione dal 1894 al 1960; con seguiti al 1970)

Le carte restituiscono l'immagine di un artista poliedrico impegnato su vari fronti e ambiti di sperimentazione, dalla pittura ai complessi plastici motorumoristi, alla grafica, poesia e architettura pubblicitaria, alla lirica, alla scenografia teatrale, ai progetti editoriali.
Consulta il fondo
 

Biblioteca

Il nucleo di circa 200 libri appartenuti a Fortunato Depero, riguardanti direttamente la sua attività artistica e i suoi rapporti con il movimento futurista, costituirono la base di partenza della biblioteca del Museo Depero, che contava, quando confluì nel Mart, circa 2000 unità bibliografiche prevalentemente di argomento futurista, pervenute in dono dagli amici e collaboratori di un tempo, per scambio con altre istituzioni o per acquisto.

 

Visualizza l’elenco in pdf

 

 

Per maggiori informazioni
library@mart.tn.it
 

 
Fondo Francesco Di Terlizzi
(documentazione dal 1926 al 1978)

Costituito da circa 400 documenti, il fondo raccoglie la corrispondenza del pittore carabiniere con Carlo Belli, Tullio Garbari, Edoardo Persico e altri importanti esponenti della critica e dell’arte del ‘900.

Visualizza l'elenco documenti

Per informazioni
archives@mart.tn.it
 

 
Fondo Librario Eric Diefenbronner
 
Biblioteca

È la sezione di circa 500 libri e opuscoli di arte contemporanea, della biblioteca di Eric Diefenbronner, ingegnere svedese con la passione per l’arte, editore nel 1962 del volume Nuclear art di Tristan Sauvage (pseudonimo di Arturo Schwarz). Raccoglie interessanti cataloghi di mostre e monografie di artisti pubblicati tra il 1950 e il 1980 soprattutto in Italia, in Germania e in Svezia.

 

Visualizza l'elenco in pdf


Per maggiori informazioni
library@mart.tn.it
 

 
Fondo Mario Duse
 

Il fondo, donato dall’erede dell’artista, documenta l’attività di Mario Duse (Venezia, 1911 – Bassano del Grappa, 1998) nel campo dell’illustrazione pubblicitaria. Il materiale grafico e a stampa riguarda infatti la pubblicità di ditte varie - in particolare Shell, Pirelli, Italstrade, Shering - a partire dagli anni Trenta, momento del coinvolgimento di Duse nelle file del Futurismo, fino agli anni Cinquanta.
 

 
Carte Pablo Echaurren
 

Le carte, donate dall’artista Pablo Echaurren,  comprendono varia documentazione legata alla sua attività espositiva, offrendo al contempo una campionatura dei suoi lavori d’illustratore, anche nel campo della controcultura, come nel caso del foglio degli indiani metropolitani “Oask”.

Biblioteca

Oltre alle carte d’archivio, l’artista ha donato all’Archivio del ‘900 varie pubblicazioni, tra cui alcuni libri d’artista realizzati dallo stesso Echaurren, a partire dagli anni Settanta.
 

 
Fondo Agenore Fabbri
(documentazione dagli anni ’40 del XX secolo al 2011)

Il fondo, costituito da corrispondenza, scritti, ritagli stampa, inviti, documenti personali e soprattutto materiale fotografico, documenta l’attività artistica dello scultore, pittore e ceramista Agenore Fabbri. Attualmente in fondo è in fase di riordino e dunque non consultabile.

Biblioteca

La biblioteca di Agenore Fabbri, della quale sono in corso l’ordinamento e il condizionamento preliminari alla catalogazione, non è attualmente disponibile per la consultazione. Si tratta di qualche centinaio di volumi e opuscoli che documentano l’attività dell’artista e ne costituiscono una bibliografia pressoché completa.

 
Carte Farfa
(documentazione dal 1922 ai primi anni ’60)

Le carte riguardano nella quasi totalità l'attività letteraria del futurista Farfa (Vittorio Osvaldo Tommasini) riconducibile prevalentemente agli anni vissuti a Savona (1929-1962).
Consulta il fondo
 

 
Fondo librario Volker Feierabend
 
Biblioteca

La biblioteca del collezionista tedesco di arte italiana del Novecento, comprende non solo cataloghi di mostre, ma anche, in maniera rilevante, cataloghi completi ragionati dell’opera di artisti contemporanei italiani e stranieri. È, in sintesi, una biblioteca strumentale all’operare del collezionista, per il reperimento delle informazioni necessarie e per la documentazione dell’attività espositiva riguardante le opere d’arte possedute. Parte della raccolta, non ancora catalogata, proviene dal padre di Volker Feierabend, Hans, insegnante di filosofia all’università di Berlino e comprende i classici della letteratura tedesca dei secoli XVIII-XX, in edizioni dei primi decenni del Novecento. E ancora manualistica per i collezionisti specializzati nelle arti applicate quali vetri, porcellane, avorii e altra oggettistica.

 

Visualizza l’elenco in pdf

 

Per maggiori informazioni
library@mart.tn.it
 

 

 
Fondo Figini-Pollini
(documentazione dal 1920 al 1991)

Il fondo Figini-Pollini raccoglie documenti relativi alle attività dei due architetti Luigi Figini e Gino Pollini svolte dal 1926 fino agli anni della loro scomparsa. Sono conservati in prevalenza elaborati grafici, carte relative ai progetti, materiale fotografico e materiale a stampa.
Consulta il fondo
 

Biblioteca

Il fondo bibliografico è composto da oltre mille documenti tra volumi (568), opuscoli ed estratti (367) e periodici (170 titoli, con diverse consistenze).  Una parte assai  importante è ovviamente legata all’attività professionale di Figini e Pollini, con testi di teoria e storia dell’architettura, urbanistica, piani regolatori, manuali tecnici, progetti per concorsi pubblici. Non secondario è però l’interesse riservato all’arte, con cataloghi di mostre, monografie di artisti, saggi di estetica, così come alla letteratura, in particolare francese. Le numerose riviste di settore, anche in lingua straniera (Moderne Bauformen, The architectural review, L’architecture d’aujourd’hui), vanno in molti casi a integrare altri fondi della Biblioteca del Mart.

Per informazioni
library@mart.tn.it
 

 
Fondo Corrado Forlin
(documentazione dal 1927 al 1943; con seguiti al 1990)

Il fondo contiene principalmente documentazione di carattere professionale, legata all'intensa attività di Forlin nella promozione del gruppo futurista Savarè.
Consulta il fondo
 

 
Fondo Fraccaro-Carrega
(documentazione dal 1955 al 1986)

Il fondo documenta sia l’attività artistica ed espositiva del poeta visivo Ugo Carrega, sia la febbrile attività collezionistica di Marco Fraccaro, in costante contatto con una miriade di micro-editori sperimentali di tutto il mondo.

Consulta il fondo

Consulta l'elenco delle lettere indirizzate a Marco Fraccaro

Consulta l'elenco delle lettere indirizzate a Ugo Carrega


Consulta l'elenco dei materiali a stampa

 
Fondo Galleria Delfino
(documentazione dal 1923 al 1997)

Il fondo ricostruisce il ruolo guida svolto a Rovereto e in Trentino Alto-Adige dalla Galleria Delfino nel promuovere e valorizzare tendenze e artisti dagli anni Quaranta agli anni Novanta del '900.
Consulta il fondo
 

Visualizza elenco documenti

Biblioteca

Il fondo librario, in fase di catalogazione, raccoglie le edizioni della galleria, documentandone così l’attività.
Per informazioni
library@mart.tn.it
 

 
Fondo Galleria Museo Depero
(documentazione dal 1922 al 1991; con documenti in copia dal 1913 e seguiti al 2004)

Il fondo documenta l’attività della Galleria Museo di Rovereto dalla sua apertura fino al 1989. Il fondo è strutturato in tre partizioni: Curatorio, Commissione per le autenticazioni, Documentazione attinente l'Assessorato alla cultura del Comune di Rovereto.
Consulta il fondo
 

 
Fondo Galleria Pancheri
(documentazione dal 1960 al 1994 circa)

L’archivio contiene la documentazione di tre decenni di attività della galleria roveretana, dal materiale promozionale e di studio, costituito da inviti, cataloghi e locandine, fino alle foto degli eventi organizzati.
Per informazioni
archives@mart.tn.it
 

Biblioteca

La biblioteca conta oltre 400 edizioni: monografie di arte antica e medievale, moderna e contemporanea, molti titoli della collana dei “Classici dell’arte Rizzoli”, cataloghi, guide, i volumetti della “Storia universale dell’arte” Fabbri.

 

Visualizza l'elenco in pdf


Per maggiori informazioni
library@mart.tn.it

 

 
Fondi Grubicy-Benvenuti
(documentazione dal 1862 al 1959; con documenti dal 1811 e seguiti al 1991)

I due fondi comprendono prevalentemente corrispondenza e testimoniano i legami intrattenuti da Grubicy e Benvenuti con artisti, mercanti, collezionisti, uomini di cultura italiani e stranieri. La documentazione comprende inoltre molte carte manoscritte di appunti ed articoli, materiali a stampa e fotografie di opere dei due artisti e di altri artisti, divisionisti e non.
Consulta il fondo
 

Biblioteca

Il fondo librario è costituito da circa 500 volumi e opuscoli pubblicati tra XIX e XX secolo e raccolti da Vittore Grubicy e dall’amico Benvenuto Benvenuti. Oltre a una ricca bibliografia di entrambi, la collezione comprende molti volumi di pregio su artisti italiani legati alla scapigliatura e al divisionismo, cataloghi di mostre e di collezioni di musei di ambito nazionale e internazionale. Interessanti, anche se incomplete, le raccolte di periodici d’arte e letteratura, tra le quali il “Marzocco”.

Visualizza l'elenco in pdf

Per informazioni
library@mart.tn.it
 

 
Carte Adalberto Libera
 

Dopo l’esposizione dedicata nel 2013 al grande architetto trentino, gli eredi hanno convenuto di donare al museo il nucleo di documenti di loro proprietà, insieme ad una raccolta di dipinti e disegni di Libera (1903–1963), che è parte integrante delle Collezioni del Mart. Del materiale strettamente archivistico e librario fanno parte un centinaio di fotografie personali, una trentina di lettere e alcuni diplomi.


Per informazioni
archives@mart.tn.it

Biblioteca

Assieme alle carte d’archivio è stato donato anche un piccolo nucleo di libri, dove trovano posto due volumi della collana Bauhausbücher, opere di Le Corbusier, di Frank Lloyd Wright e di Adalberto Libera stesso. Alcuni riportano annotazioni e appunti.


Consulta il fondo


Per informazioni
library@mart.tn.it

 
Fondo Giovanni Lorenzi
(documentazione dal 1919 al 1960)

Il fondo comprende un notevole numero di disegni su lucido, copie eliografiche, tavole a tecnica mista e mappe catastali, che nella loro totalità permettono di ricostruire l'attività progettuale dell’architetto Giovanni Lorenzi.
Consulta il fondo
 

 
Fondo Casa Malaparte
(documentazione dal 1938 al 959; con seguiti al 1965)

Il fondo illustra alcuni tratti della vicenda costruttiva di Casa Malaparte, attraverso i carteggi fra lo scrittore Curzio Malaparte e i membri dell’impresa Amitrano.

Consulta il fondo

Visualizza l'elenco documenti
 

 
Fondo Architetti Francesco Mansutti - Gino Miozzo
(documentazione dal 1919 al 1969)

Il fondo illustra con grande abbondanza di materiali l'attività professionale dei due architetti, sin dai progetti giovanili, elaborati singolarmente dalla metà degli anni Venti. Negli anni Trenta il maggior impegno comune è diretto alla realizzazione delle Case per l'ONB (Opera nazionale Balilla).

Consulta il fondo

 
Fondo Stelio Maria Martini
(documentazione dal 1874 al 2009)

Il fondo documenta l’attività del poeta visivo Stelio Maria Martini, sul doppio binario della letteratura e delle arti visive. Le carte sono giunte assieme alla ricca biblioteca dell’artista e a un nucleo di oltre 100 opere d’arte.
Consulta il fondo


Scarica l'inventario del fondo (xls)

 
Fondo Riccardo Maroni
(documentazione dal 1951 al 1980)

Il fondo del Mart comprende i materiali preparatori per la pubblicazione delle monografie della Collana Artisti Trentini (C.A.T.) e della collana Voci Della Terra Trentina (V.D.T.T.), ideate da Riccardo Maroni.
Consulta il fondo

Inventario

 
Fondo Galleria Martano
 

Fondata da Giulio Martano nel 1965 e diretta da Liliana Dematteis dal 1971, la Galleria chiude nel luglio del 2013. Il fondo librario donato contiene materiale bibliografico che ne documenta l’attività a partire dagli anni Sessanta, quando le esposizioni riguardano aspetti del futurismo ancora poco studiati, gli astrattisti storici italiani e gli artisti del Movimento Arte Concreta. Con Liliana Dematteis, la galleria intraprende, accanto all’attività espositiva, anche quella storico-documentaria ed editoriale.

Consulta il fondo
 

 
Fondo Maurizio Mazzocchi
(documentazione dall’inizio del XX secolo al 1991)

Il fondo documenta gran parte dell'attività progettuale e imprenditoriale di M. Mazzocchi e il suo contributo alla fondazione e redazione di riviste specializzate, quali "Cantieri" e "Quaderni".
Consulta il fondo
 

 
Fondo Angiolo Mazzoni
(documentazione dal 1894 al 1979)

Il fondo documenta in modo cospicuo le vicende umane e professionali dell’architetto A. Mazzoni, funzionario per la costruzione di stazioni, palazzi postali ed edifici di diversa destinazione per gli impiegati delle Ferrovie e delle Poste.
Consulta il fondo
 

Biblioteca

La biblioteca, oltre 1000 volumi, è quella di un ingegnere specializzato in costruzioni ferroviarie, ma la sequenza dei libri non manca di offrire spunti biografici e svela i suoi gusti e interessi personali. Sono presenti alcuni libri antichi, tra i quali un’edizione del 1736 de La regola delli cinque ordini d’architettura del Vignola; monografie di storia dell’arte e di architettura. Dal 1948 in poi, con il trasferimento dell’architetto in Colombia, molte le edizioni in lingua spagnola di argomento tecnico e di cultura latinoamericana.

 

Visualizza l’elenco in pdf


Per informazioni
library@mart.tn.it
 

 
MEMBERSHIP

MEMBERSHIP

Scopri