Italiano | english | 中文 | Deutsch
MART

museo di arte moderna
e contemporanea
di trento e rovereto

  • Alessandro Mendini - Poltrona di Proust, 1978
  • Alessandro Mendini - Per Depero 4, 2010
  • Alessandro Mendini - Kandissi, 1978
  • Alessandro Mendini - Per Depero 1, 2010
  • Mendini Depero - Sale espositive

Mendini > Depero

 
Casa D'Arte Futurista Depero Rovereto
08 maggio 2010 / 17 ottobre 2010
"Depero è un fatto particolare. Anche attraverso la sensibilità verso i suoi segni e colori, ho elaborato dei miei segni, quasi in diretto rapporto con i suoi, in modo da ottenere i miei mobili, le mie statue, i miei oggetti, in una maniera quasi in modo sincronica. Quindi sono molto debitore a Depero."
Alessandro Mendini
"Mendini > Depero" presenta una serie di mobili e di arazzi inediti ispirati alla creatività dell’artista roveretano, progettati e realizzati da Alessandro Mendini appositamente per questa occasione. A Casa d’Arte Futurista Depero a Rovereto, due protagonisti della cultura italiana del Novecento si incontrano in un raffronto a tutto campo tra arte, design e architettura
 
C

ome sulla scena di un teatro, il pubblico è testimone di un continuo e serrato dialogo tra le opere di Depero e le nuove creazioni; come i quattro arazzi di grandi dimensioni progettati dal maestro e realizzati da Katia Brida, in curioso accostamento con tarsie in panno eseguite da Fortunato Depero o i mobili di ispirazione alpina realizzati da artigiani locali.

Un’idea affascinante e suggestiva, quella proposta dall’architetto e design milanese, per far emergere legami stimolanti, combinazioni infinite tra le opere, dando a ognuna la possibilità di essere colta sotto una luce nuova.
 

 

Nella mostra è possibile ammirare sia le sue creazioni storiche- prima tra tutte la "Poltrona di Proust", del 1978 – il divano "Kandissi", sempre del 1978, il tavolo "Zabro", 1984, fino alle più recenti mobili-sculture per uomo: "Giacca" e "Scarpa", del 1996.
 

A cura di Gabriella Belli e Nicoletta Boschiero