Italiano | english | 中文 | Deutsch
MART

museo di arte moderna
e contemporanea
di trento e rovereto

  • Jacques-Louis David - Il giuramento degli Orazi, 1786
  • Jean-Léon Gérôme - Uscita dal ballo mascherato, 1857
  • Maurice Denis - La bella nel bosco d’autunno, 1892
  • John Singer Sargent - Ellen Terry nel ruolo di Lady Macbeth, 1882
  • Edgar Degas - L’orchestra dell’Opéra, 1870 ca.
  • Adolphe Appia - Spazio ritmico, 1909
  • Dalla scena al dipinto - Sale espositive

Dalla scena al dipinto
La magia del teatro nella pittura dell'Ottocento

 
Mart Rovereto
06 febbraio 2010 / 23 maggio 2010
Il Mart presenta un percorso espositivo incentrato sull’evoluzione storico artistica della pittura, dalla fine del Settecento alle soglie del Ventesimo secolo. Il progetto intende riportare all’attenzione del pubblico e della critica il ruolo fondamentale che il dialogo tra teatro e pittura ha avuto, all’interno della storia dell’arte, alle soglie della modernità
 
C

on questo progetto il Mart completa e approfondisce i temi al centro della mostra “La Danza delle Avanguardie” nella quale, attraverso un confronto tra teatro, danza e pittura, il Novecento artistico veniva riscoperto e riproposto al pubblico con notevole successo.

“Dalla scena al dipinto. La magia del teatro nella pittura dell'Ottocento. Da David a Delacroix, da Füssli a Degas” offre un’occasione unica per poter ammirare, per la prima volta in Italia, alcuni dei capolavori dei migliori pittori europei dell’Ottocento - da Jacques-Louis David a Eugène Delacroix, da Jean-Auguste-Dominique Ingres a Edgar Degas – che hanno riportato nelle loro tele molte suggestioni ispirate sia ai temi letterari delle più rappresentate tragedie o dei più magnificati melodrammi del tempo, sia derivate dalla gestualità, dalle ambientazioni scenografiche e soprattutto dalla prospettiva illusionistica del mondo magico del teatro.
 

 

Queste opere, messe a confronto, sono la chiara evidenza di come lo stretto rapporto tra pittura e teatro abbia avuto tra i suoi esiti più significativi quella “smaterializzazione della visione”, che diventerà l’elemento predominante e radicale dell’arte scenica ma anche, e soprattutto, pittorica, nel XX secolo.

 

In mostra circa duecento opere tra dipinti, disegni, modelli di scenografie, provenienti da collezioni pubbliche e private di tutto il mondo, tra cui il Musée du Louvre, il Musée d’Orsay, la Kunsthaus di Zurigo, il British Museum e il Victoria and Albert di Londra e il Metropolitan Museum di New York.
 

Guarda l'allestimento della  mostra in questo set di immagini su flickr

A cura di Guy Cogeval e Beatrice Avanzi, con la direzione scientifica di Gabriella Belli, Marie-Paule Vial e Matthew Teitelbaum. La mostra è prodotta dal Mart in collaborazione con la Direction des Musées de Marseille e dall’Art Gallery of Ontario, Toronto e realizzata con il sostegno del Musée d’Orsay di Parigi